fbpx

IRHA Italian Reining Horse Association

Download allegati:

Lo statuto, la storia, lo scopo, i soci e le funzioni di IRHA Italian Reining Horse Association.

STORIA

L’IRHA raccoglie l’eredità della AICR Associazione Italiana Cavallo Reining e della ANCR Associazione Nazionale Cavallo Reining: la prima, costituita nel 1985 a Cremona da un gruppo di “reiners” che avevano seguito la specialità sin dalle sue origini in Italia, quest’ultima nel 1993, a seguito di alcune modifiche dello statuto sociale messe in atto al fine di un adeguamento a quello della FISE Federazione Italiana Sport Equestri.

In allegato (nell'area download in alto) l'ultima versione dello statuto associativo (2019_02_09_irha_statuto.pdf).

Prima della costituzione di un’associazione di specialità in Italia, le gare di Reining si disputavano nell’ambito di manifestazioni organizzate dalla AIQH Associazione Italiana Quarter Horse, organo affiliato alla casa madre statunitense AQHA American Quarter Horse Association.

La prima gara di Reining, organizzata nel 1985 dalla neonata AICR, affiliata fin dalle origini alla NRHA National Reining Horse Association , fu il Futurity.

Dopo aver mosso i suoi primi passi in sordina, l’associazione seppe suscitare, col trascorrere degli anni, sempre maggior interesse da parte degli appassionati della monta western in Italia, fino a beneficiare di un’autentica esplosione.

Nella metà degli anni novanta essa annoverava infatti circa 350 soci, mentre in tempi piu’ recenti, grazie alla scelta vincente di costituire associazioni regionali affiliate alla associazione nazionale, con il compito di diffondere e promuovere il Reining su tutto il territorio nazionale, il numero dei tesserati è balzato a quota 1.500.

Il 14 di aprile 2000, il Reining è stato riconosciuto dalla FEI Federazione Equestre Internazionale e, poco tempo dopo, dalla FISE Federazione Italiana Sport Equestri; a seguito di cio’, per la prima volta nella storia dell’equitazione, il Reining ha preso parte ufficialmente ai World Equestrian Games.

L'IRHA Italian Reining Horse Association viene costituita a Parma il 27 settembre 2002 da un gruppo di appassionati sostenitori della disciplina in Italia; i soci fondatori, per la maggior parte allevatori ed addestratori professionisti, sono: Eleuterio Arcese, Severino Angelucci, Franco Colletti, Roberto Cuoghi, Rodolfo Dones, Mario Erbetta, Marco Manzi, Antonio Mastrangelo, Pierre Ouellet, Adelchi Pontisso, Mauro Rigamonti, Claudio Risso e Mario Sbrana.

SCOPO

Scopo dell’associazione, che non persegue fini di lucro, è quello di diffondere gli sport equestri, in particolare il Reining, attraverso la promozione e l’attuazione di tutte le iniziative che possano utilmente contribuire al miglioramento delle razze, alla diffusione ed alla valorizzazione dei cavalli, con particolare riferimento a quelli da Reining, curandone la selezione e l’addestramento.

SOCI

Sono ammessi a far parte di IRHA Italian Reining Horse Association le persone fisiche, le persone giuridiche, le associazioni ed i consorzi interessati al perseguimento degli scopi della IRHA.

I Soci sono tenuti al pagamento di una quota annua, il cui importo è stabilito annualmente dal Consiglio Direttivo dell'associazione.

I Soci interessati ad iscriversi a IRHA devono presentare una richiesta di iscrizione, anche verbale, alla Segreteria; il Consiglio Direttivo decide in merito all'ammissione o meno del Socio, senza obbligo di motivare il diniego.

L'esercizio dei diritti sociali spetta ai Soci regolarmente iscritti ed in regola con il pagamento della quota sociale; all'atto del pagamento della quota la Segreteria provvede a consegnare al socio la relativa tessera di iscrizione all'associazione.

FUNZIONI

L’IRHA, Italian Reining Horse Association

  • promuove ed organizza gare e manifestazioni sportive;
  • collabora e fornisce prestazioni di supporto tecnico alle stesse;
  • coordina altresì la partecipazione degli associati o tesserati alle gare, manifestazioni, rassegne, mostre, aste, concorsi e ad ogni iniziativa utile o interessante per la valorizzazione dei cavalli in genere e di quelli da Reining in particolare,
  • infine, attraverso i mass media, esercita tutte quelle attività di promozione, valorizzazione e diffusione giudicate conformi allo scopo sociale.